Una delizia Veneziana da scoprire

27-06

Oggi oltre a una buonissima ricetta vi racconteremo di un delizioso prodotto tutto Veneziano.


Il prodotto di cui vi parleremo è una varietà di carciofo il “Violetto di Sant’Erasmo”.

Tenero, carnoso, poco spinoso e di forma allungata, il carciofo di Sant’Erasmo ha le brattee color violetto cupo, che racchiudono un cuore dal gusto inconfondibile.
A Sant’Erasmo i primi carciofi vengono raccolti verso inizio di aprile. Questi carciofi, che vedono letteralmente impazzire i veri intenditori, sono le “castraure”, cioè il frutto apicale della pianta di carciofo che viene tagliato per primo in modo da permettere lo sviluppo di altri 18-20 carciofi laterali (botoli) altrettanto teneri e gustosi. Le castraure sono famose per il loro gusto unico e particolare, un carciofo tenerissimo che è un insieme di sapori, dal leggero sapore amarognolo, che ne esaltano l’inestimabile valore organolettico.

Ecco a voi una ricetta

Ingredienti

  •  36 castraure
  • olio di arachidi
  • sale

Necessario per la pastella:

acqua, farina, lievito, sale

Preparazione

Togliere le foglie più dure ai carciofi, tagliarli a spicchi. Tuffare ogni spicchio in una pastella semplice (o, se preferite, all’uovo) e friggerli in olio abbondante.

In alternativa è possibile passare gli spicchi di carciofo solo nella farina e friggerli.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...