Dolci perfetti per Halloween: le fave dei morti

fave dei morti

Halloween si avvicina ed eccovi la nostra proposta per non trovarvi impreparati con i bimbi che verranno a suonare alle vostre porte per dolcetto o scherzetto.

Il loro nome potrà inizialmente spaventarvi ma in realtà si tratta di piccoli dolcetti davvero squisiti!

Stiamo parlando delle fave dei morti, dolcetti tipici del Veneto e del Friuli Venezia Giulia, che iniziano ad essere esposti, in questo periodo, nelle vetrine di tutte le pasticcerie di Venezia. E’ tradizione consumarle, assieme a castagne, zucca e patate americane, la vigilia della giornata dei defunti.

Per arricchire di sapori il piatto abbiamo deciso di proporvi fave in versione veneziana combinate con quelle in versione triestina: l’unica differenza riguarda l’ingrediente base: pinoli per le veneziane, mandorle per le triestine. Il procedimento è lo stesso e sono ugualmente buone anche se un po’ diverse: le veneziane risultano, infatti, leggermente schiacciate, mentre le triestine si presentano croccantine , più piccoline, tonde e morbide. Sono ottime con il Torbolino che è un vino veneto nuovo, dolce e non ancora completamente fermentato, tipico di questa stagione.

Ingredienti: 

Per ogni 100 gr. di mandorle o pinoli:

  • 300 gr. di zucchero
  • 40 gr. di albume d’uovo
  • 1 cucchiaio di alcol per liquori
  • un pizzico di vaniglia
  • q.b. di cacao
  • colorante alimentare rosa o rosso
  • poco zucchero a velo

Procedimento:

  1. Tritare, nel mixer, i pinoli (o le mandorle) con lo zucchero, quindi aggiungere la vaniglia, l’alcol per liquori e, alla fine, l’albume. Continuare a mixare finchè, al tatto, non si sentiranno più i granelli di zucchero. Amalgamare con cura il composto (eventualmente usando anche l’impastatrice).
  2. Dividere l’impasto in 3 pagnottelle e aggiungere ad una un po’ di cacao, ad un’altra pochissimo colorante, lasciando la terza al naturale. Impastare aiutandosi, eventualmente, con poco zucchero a velo.
  3. Avvolgere ogni pagnottella in pellicola e mettere a riposo per 12 ore circa.
  4. Riprendere le pagnottelle, formare dei rotolini e tagliarli a pezzetti formando delle palline grandi come una noce (le veneziane), come una nocciola (le triestine).
  5. Disporre le palline sulla teglia da forno ricoperta di cartaforno e cuocere a 130° per 10 minuti circa.
  6. Sono pronte quando iniziano a screpolare.
  7. Far raffreddare per 12-15 ore e le vostre fave sono pronte per essere gustate.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...