Acqua Alta

Acqua Alta” è un’espressione veneziana entrata poi nell’uso comune della lingua italiana. Il termine indica un fenomeno che ben conoscono gli abitanti della città e i turisti che hanno avuto modo di assistere a tale evento, ma che spesso viene esagerato dai media e frainteso da chi non è mai stato a Venezia.

Il fenomeno dell’acqua alta interessa la città soprattutto nel periodo invernale ed è dovuto da una serie di elementi atmosferici e naturali: la marea astronomica, il vento di scirocco, il fenomeno della sessa in Adriatico, ovvero il movimento periodico delle acque dell’Adriatico, una lunga onda che va e viene su tutte le coste. Tutti questi determinano un maggior afflusso di acqua nella laguna di Venezia.

La durata dell’acqua alta deriva dal ciclo della marea: 6 ore di fase crescente e 6 ore di fase calante. Solitamente se c’è l’acqua alta, questa si verifica solo nelle ore centrali della fase crescente, quindi permane in città 3-4 ore.

Quando si verifica, l’acqua alta non interessa tutta la città ma solo alcune parti, quelle più basse, come Piazza San Marco. Solo in casi di maree eccezionali l’acqua alta interessa zone più estese della città, ma casi del genere non sono così frequenti come si crede.

VENEZIA_acqua alta

Si legge spesso che l’acqua alta si verifichi per 40 giorni all’anno, ma si tratta di una generalizzazione e gli abitanti di Venezia sanno che ogni caso è differente.

Sotto gli 80 cm. non si parla nemmeno di acqua alta.

Quando si raggiungono i 100 cm., meno del 4% della superficie del Centro Storico è invasa da pochi centimetri d’acqua e il disagio è molto lieve.

Quando si prevede che il livello dell’acqua arrivi ai 110 cm., fenomeno che si verifica mediamente 4 volte ogni anno, l’amministrazione comunale dispone l’annuncio dell’arrivo dell’acqua alta tramite sirene con un anticipo di 3-4 ore  e sms inviati a quanti si iscrivono all’apposito servizio informativo del Centro Maree comunale. In casi del genere, il 12% della superficie cittadina risulta coperta dall’acqua.

Vengono, inoltre, allestite delle passerelle in giro per la città, predisposte per assicurare il transito dei flussi principali fino a 120 cm. I vaporetti continuano il servizio modificando, a volte, alcuni percorsi, ma garantendo comunque l’accesso a quasi tutta la città.

Solo oltre i 130 cm. si cominciano ad avvertire in maniera evidente gli effetti dell’acqua alta e a 140 cm. si può parlare di emergenza. Tuttavia maree eccezionali come queste sono casi che si presentano raramente: uno su quattro anni. Bisogna, infine, ricordarsi, che si tratta di fenomeni transitori e che il disagio dura solo qualche ora, il tempo impiegato dall’acqua per defluire in mare.

In definitiva, l’acqua non è un fenomeno pericoloso e nella stragrande maggioranza dei casi si tratta di un disagio limitato per i veneziani e i turisti. Se vi capita, quindi, di assistere a questo fenomeno durante la vostra vacanza a Venezia, non bisogna allarmarsi. Basterà solo aspettare qualche ora affinché l’acqua defluisca del tutto, oppure, per i più curiosi, munirsi di stivali e andare alla scoperta della città in una versione insolita e straordinaria.

Venezia, 02/03/2011 - Carnevale di Venezia. Stamattina acqua alta a San Marco, buona parte della piazza allagata.

Visitate il sito del Comune di Venezia per maggiori informazioni e previsioni sulle maree.

Centro Previsioni e Segnalazioni Maree
Palazzo Cavalli, S. Marco 4090
30124 Venezia
tel. +39-041-2748787
fax +39-041-5210378
segreteria telefonica aut. +39-041-5206344/5207722

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...